R leonis: la stella più rossa della costellazione del Leone

Foglie di acero giapponese – Collezione di Alessandro Biagioli – autunno 2017

Tra le luminose stelle azzurre
visibili in prima sera nella costellazione del Leone,
brilla una delle più famose stelle variabili del cielo!

Insieme a Mira e a η Cygni, R leonis
passando dalla magn. +11,3 a +4.4
in un periodo di circa 309 giorni,
è infatti una di quelle rarissime stelle
capaci di apparire e scomparire nel cielo stellato
già solamente ad occhio nudo!

La stella è una variabile al carbonio
dall’intenso colore arancio ed è sicuramente
la stella più tendente al “rosso” dell’intera costellazione!

Le sue sfumature non percepibili ad occhio nudo
diventano molto evidenti
già attraverso un piccolo strumento,
proprio come accade in questo periodo
che sta attraversando il suo picco di luminosità!!

Curva di luce della stella – dati AAVSO

Come avviene già per Mira
e per tante altre carbon stars,
questo forte salto di luminosità
si traduce anche in un forte salto cromatico,
che trasforma l’arancione vivo di questi giorni
in un arancione ramato delle fasi di minimo.

R leonis brilla non lontano da Regolo ed omicron leo

Ciò che però rende ancora più affascinante
ed imperdibile l’osservazione di quest’astro
è il fatto che è accompagnato a circa 10 e 30 primi
da due stelle alquanto luminose, 19 e 18 leonis
rispettivamente dalle sfumature azzurre e gialle,
assieme alle quali forma un bellissimo tripletto
di stelle colorate, uno dei più belli e luminosi,
sicuramente, dell’intera volta celeste!

Ecco come già attraverso un semplice smartphone
si riesce ad immortalare le loro sfumature!!

Due singoli scatti a x228 tra loro incollati in scala.

Cieli colorati!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *